Autore 

Mapplethorpe, Robert

Floral Park, Queens (New York), 1946 - Boston, 1989

Robert Mapplethorpe è nato nel 1946 a Floral Park, nel Queens. Della sua infanzia disse: "Vengo dall'America suburbana. Era un ambiente molto sicuro ed era un buon posto da cui venire, in quanto era un buon posto per partire".
Nel 1963, Mapplethorpe si iscrive al Pratt Institute nella vicina Brooklyn, dove studia disegno, pittura e scultura. Influenzato da artisti come Joseph Cornell e Marcel Duchamp, sperimentavari materiali in collage compesti con media misti, tra cui immagini tratte da libri e riviste. Nel 1969, lui e Patti Smith, che aveva incontrato tre anni prima, si trasferirono al Chelsea Hotel. Mapplethorpe acquista una macchina fotografica Polaroid nel 1970 dall'artista e cineasta Sandy Daley e comincia a produrre le proprie fotografie da incorporare nei collage, dicendo che sentiva di "essere più onesto".
Nel 1973, la Light Gallery di New York City allestisce la sua prima mostra personale in galleria: "Polaroids". Due anni dopo acquista una fotocamera Hasselblad di medio formato ed inizia a fotografare la sua cerchia di amici e conoscenti: artisti, musicisti, star del cinema e membri dell'underground S&M. Lavora anche a progetti commerciali, creando copertine di album, incluse copertine per Patti Smith, e una serie di ritratti e immagini di feste per Interview Magazine.
Alla fine degli anni '70, Mapplethorpe è sempre più interessato a documentare la scena S&M di New York. Le fotografie che ne risultano sono scioccanti per il loro contenuto e straordinarie per la loro padronanza tecnica e formale. Mapplethorpe disse a ARTnews alla fine del 1988: "Non mi piace quella parola particolare "scioccante ". Sto cercando l'inaspettato. Sto cercando cose che non avevo mai visto prima ... Ero in grado di scattare quelle foto. Ho sentito l'obbligo di farle".
Nel 1977, partecipa a Documenta 6 a Kassel, Germania Ovest e nel 1978, la Robert Miller Gallery di New York City diventa il suo rivenditore esclusivo.
Nel 1980 incontra Lisa Lyon, la prima campionessa mondiale di bodybuilding femminile, con cui collabora a una serie di ritratti e studi di figure, un film e il libro "Lady, Lisa Lyon". Durante gli anni '80, Mapplethorpe produce immagini che sfidano e aderiscono contemporaneamente agli standard estetici classici: composizioni stilizzate di nudi maschili e femminili, delicate nature morte di fiori e ritratti in studio di artisti e celebrità. Introduce e perfeziona diverse tecniche e formati, tra cui Polaroid 20 "x 24" a colori, stampe al platino su carta e lino, stampe a colori Cibachrome e transfer a colori. Nel 1986 progetta i set per la performance di danza di Lucinda Childs "Portraits in Reflectio", crea una serie fotografica per "A Season in Hell" di Arthur Rimbaud ed è incaricato dal curatore Richard Marshall di realizzare ritratti di artisti di New York per il libro "50 artisti di New York".
Nel 1986, gli fu diagnosticato l'AIDS. Nonostante la sua malattia, amplia la portata della sua indagine fotografica e accetta commissioni sempre più impegnative. Il Whitney Museum of American Art organizza la sua prima grande retrospettiva nel 1988, un anno prima della sua morte nel 1989.
Il suo vasto, provocatorio e potente corpus di opere lo conferma come uno degli artisti più importanti del ventesimo secolo. Oggi Mapplethorpe le sue opere sono presenti nelle collezioni dei principali musei di tutto il mondo.
La sua eredità sopravvive attraverso il lavoro della Robert Mapplethorpe Foundation, creata da egli stesso nel 1988 per promuovere la fotografia, supportare musei che espongono arte fotografica e finanziare la ricerca medica nella lotta contro l'AIDS e l'HIV.

fonte: http://www.mapplethorpe.org/biography/ (03/2020)

UNA IMMAGINE
sup_10120_0003309
Mapplethorpe, Robert
Annie Leibovitz