Autore 

Balena, Isabella

Rimini, 1965

Isabella Balena nasce a Rimini nel 1965.
Frequenta il Centro di formazione per la fotografia R. Bauer di Milano.
Dal 1991 è assistente di Gabriele Basilico e fotografa professionista free lance. Lavora in molte aree di conflitto come Iraq, Somalia, Kenya, ex Jugoslavia, Messico, Sud America, Albania, India. Da molti anni segue il conflitto israelo-palestinese e l'area mediorientale.
Nel 1992 è segnalata nel Kodak Panorama Europeo dei giovani fotografi e nel 1994 partecipa al primo masterclass della World Press Photo Foundation a Rotterdam.
Dal 1996 al 1998 fotografa per il settimanale D La Repubblica delle donne.
Partecipa a numerosi progetti di approfondimento di tematiche sociali quali: "Dixie - 10 fotografi per Milano", "Quotidiano al femminile", "Oltrefamiglia", "Voci nella città", "La parola immaginata", "Elementi urbani", "Sweet Sarajevo" di Moreno Gentili con fotografie tratte dal lavoro su Mostar "Questa guerra non è mia"(1996).
Tra il 2000 e il 2004 lavora ad un lungo progetto personale, "Ci resta il nome - I luoghi della memoria della Seconda Guerra Mondiale in Italia" edito da Gabriele Mazzotta e e sul quale il regista Marco Segato ha realizzato un documentario e mostra itinerante.
Tra il 2009 e il 2013 partecipa al collettivo Confotografia che produce un lungo lavoro di riflessione sul paesaggio aquilano post terremoto, che si conclude con la mostra Sismcity al Palazzo Ducale di Venezia, a L'Aquila e in altre sedi.
Nel 2010 viene selezionata insieme ad altri fotografi dall'Istituto Etnografico della Regione Sardegna per realizzare immagini dell'isola.
Nle 2011 partecipa al progetto Sinthesis, Storie di persone e di trapianti edito da SISQT, Fratelli Alinari e Biotest. Il progetto riceve il premio "Eccellenza nei Pubblic Affairs" dal Senato della Repubblica.
Nle 2012 pubblica insieme alla chirurga Cristina Garusi "A seno nudo", lavoro sulle tecniche ricostruttive del seno in seguito ad interventi tumorali. Queste fotografie vengono utilizzate nel 2015 sul web per la campagna mondiale "Save the nipple", curata dall'Agenzia Grey di Singapore in collaborazione con (H)film Milano.
Attraverso l'Agenzia Grazia Neri e WPN di New York lavora le sue immagini sono pubblicate in importanti testate nazionali ed internazionali come Liberation, Financial Times, Sunday Times, Io Donna Spagna, l'Express, El Pais, Corriere Della Sera, Repubblica, D La Repubblica, Io Donna, Espresso, Il Sole 24 Ore, Panorama, Elle, Marieclare, Gente, ecc...
Vive e lavora a Milano.

fonte: http://www.isabellabalena.com/about/ (01/2020)

IMMAGINI da 1 a 12
sup_3g050_0001065
Balena, Isabella
Bombay maggio 91. Victoria Terminus
sup_3g050_0001066
Balena, Isabella
Bombay - Bambini durante una pausa dal lavoro stradale
sup_3g050_0001067
Balena, Isabella
Bombay - Victoria Terminus - Raccoglitori di rifiuti
sup_3g050_0001068
Balena, Isabella
Bombay - Kamathipura. Raccoglitori di carta
sup_3g050_0001069
Balena, Isabella
Bombay - Sotto la pioggia
sup_3g050_0001070
Balena, Isabella
Bombay - Marijuana
sup_3g050_0001071
Balena, Isabella
Bombay - Giocatori di Pappu
sup_3g050_0001072
Balena, Isabella
Bombay - Kamathpura
sup_3g050_0001073
Balena, Isabella
Bombay - Sullo spartitraffico davanti a V.T. (Victoria Terminus)
sup_3g050_0001074
Balena, Isabella
Bombay - A Chowpatty beach
sup_3g050_0001075
Balena, Isabella
Bombay - Dongri Childrehouse
sup_3g050_0001076
Balena, Isabella
Bombay - Dongri Childrehouse