Autore 

Rodcenko, Aleksandr

San Pietroburgo, 1891 - Mosca, 1956

Rodcenko, Aleksandr Michailovic (San Pietroburgo 1891 - Mosca 1956), pittore, designer, scenografo teatrale, architetto, scultore e fotografo russo, fu una delle figure centrali del costruttivismo russo. Figlio dello scenografo Michail Michajlovic Rodcenko e della lavandaia Ol'ga Evdokimovna, studiò all'istituto d'arte della città di Kazan, dove conobbe la futura moglie e artista Varvara Stepanova; si interessò alla poesia di Vladimir Majakovskij e da questa si accostò alle nuovi correnti del futurismo e del suprematismo russo. Capofila del costruttivismo russo e poi della sua deriva più radicale, il produttivismo, fu segnato dalle opere di Tatlin e Malevic, al quale si opporrà in seguito. Trasferitosi a Mosca nel 1916, come molti altri artisti del tempo si avvicinò al movimento astratto. La sobria e semplice serie dei lavori realizzati sino al 1915 cedette il posto a opere più complesse e colorate alle quali si dedicò per tutto il periodo della Rivoluzione d'ottobre. Nel frattempo, iniziò a cimentarsi nella scenografia teatrale, nel disegno per mobili, nel disegno industriale e nella scultura, come dimostrano una serie di studi per lampade e le sue 'costruzioni spaziali', sculture geometriche astratte consistenti in forme aperte di metallo o legno. Negli anni Venti realizzò molte opere di grafica, inclusi manifesti pubblicitari e lavori tipografici ed editoriali, così come le illustrazioni per l'opera del suo amico poeta Vladimir Majakovskij ("Di questo", 1923), e crea locandine cinematografiche ("Cine-occhio" di Dziga Vertov, 1924) impiegando le tecniche del collage del fotomontaggio: nel 1921 firma con la moglie il "Manifesto produttivista" che proclama "abbasso l'arte, viva la tecnica!" ed espone all'Obmokhou. Dopo il 1924, si dedicò sempre più alla fotografia e ai film, arti nelle quali applicò il marcato uso della prospettiva tipico del costruttivismo. Inizialmente dedito al ritratto (tra cui quelli degli amici Ossip, Brik e Majakovskij), nel corso degli anni (sino al 1928, per abbandonarlo definitivamente nel 194) compone immagini a partire da vedute urbane, folle e sfilate, sportivi, soldati, artisti circensi e più generalmente edifici, macchine, barche e tutto ciò che illustra le attività agricole e industriali. Lo stile delle composizioni è sicuro, come dimostra uno tra i suoi scatti più celebri "La giovane con la Leica" del 1934, in cui ricorre all'impiego delle linee diagonali, all'equilibrio nell'asimmetria, ai contrasti di luce/ombra, al gioco della grana. Le sue inquadrature sono inattese, mentre gli effetti di basculaggio rendono i suoi motivi più dinamici; le riprese dal basso, dall'alto e in primo piano gli consentono di invertire i soggetti. Le sua fotografie sono state frequentemente impiegate per copertine di libri, riviste e locandine e per fini propagandistici nella rivista "SSSR na stroike" ("L'edificazione dell'Unione Sovietica"). Lo stile delle sue fotografie costruttiviste, essenza dell'estetica della Nuova Fotografia, anche dopo essere stata rifiutata dal regime comunista, ha segnato profondamente il realismo sovietico.

IMMAGINI da 1 a 24 su un totale di 25
sup_10110_0002558
Rodcenko, Aleksandr
Ritratto della madre
SUP_10110_0002559
Rodcenko, Aleksandr
Tuffo
SUP_10110_0002560
Rodcenko, Aleksandr
Scalinata
SUP_10110_0002561
Rodcenko, Aleksandr
Pioniere
SUP_10110_0002562
Rodcenko, Aleksandr
Ritratto
SUP_10110_0002563
Rodcenko, Aleksandr
Ritratto
SUP_10110_0002564
Rodcenko, Aleksandr
Tuffo
SUP_10110_0002565
Rodcenko, Aleksandr
Su barre parallele
SUP_10110_0002566
Rodcenko, Aleksandr
Piazza Rossa, ginnastica ritmica
SUP_10110_0002567
Rodcenko, Aleksandr
V.V. Majakovskji
SUP_10110_0002568
Rodcenko, Aleksandr
V.V. Majakovskji
SUP_10110_0002569
Rodcenko, Aleksandr
V.V. Majakovskji
SUP_10110_0002570
Rodcenko, Aleksandr
V.V. Majakovskji
SUP_10110_0002571
Rodcenko, Aleksandr
Una giovane comunista
SUP_10110_0002572
Rodcenko, Aleksandr
A caccia di vermi
SUP_10110_0002573
Rodcenko, Aleksandr
Strada di Mosca
SUP_10110_0002574
Rodcenko, Aleksandr
Strada di Mosca
SUP_10110_0002575
Rodcenko, Aleksandr
Strada di Mosca
SUP_10110_0002576
Rodcenko, Aleksandr
Mosca, il teatro Bolscioj
SUP_10110_0002577
Rodcenko, Aleksandr
Balconi
SUP_10110_0002578
Rodcenko, Aleksandr
Abeti
SUP_10110_0002579
Rodcenko, Aleksandr
Circo
SUP_10110_0002580
Rodcenko, Aleksandr
Mar Baltico
SUP_10110_0002581
Rodcenko, Aleksandr
Mar Baltico, chiatte che entrano in una chiusa