Autore 

Barchiesi, Liliana

Milano, notizie dal 1970

Liliana Barchiesi, giornalista attenta alle tematiche sociali, negli anni '70 si è cimentata come fotografa in un'esplorazione del mondo femminile: la donna che lavora, le manifestazioni per il divorzio e contro l'aborto clandestino, lo spazio domestico, le aggregazioni femminili, i consultori. Nel 2008 ripropone in un video e mostre: "DONNE Immagini 1974/1979" perché la memoria storica e le conquiste allora ottenute, non vadano perse. Attualmente sta lavorando ad un nuovo progetto riproponendo le bambine fotografate allora con le loro mamme, nella loro realtà di donne oggi.
Inizia la sua esperienza fotografica nei primi anni '70 presso studi di fotografi professionisti, tra gli altri Emilio Fabio Simion, frequentando altresì lo studio di Gabriele Basilico, in cui apprende i primi rudimenti di stampa fotografica. Matura in quel periodo l'esigenza di partecipare a una realtà così ricca di avvenimenti e inizia col fotogiornalismo.
Nel 1974 fa parte di un gruppo di donne fortemente motivato ad incidere nel Movimento femminile e per il Movimento; il gruppo costituto da sociologhe, giornaliste, intellettuali, pubblica la rivista indipendente "Se ben che siamo DONNE" il cui primo numero esce nel mese di novembre. Nel 1976 è contitolare di uno studio con Emilio Tremolada; insieme firmano servizi di reportage ed attualità politica e sociale per quotidiani e riviste, (Noi donne, Effe, Amica, Il quotidiano dei Lavoratori, L'Espresso, Due Più) distribuiti dall'Agenzia Grazia Neri.
L'ambito di interesse, oltre al Movimento femminile, è rivolto a Psichiatria democratica che in quel periodo promuoveva fondamentali innovazioni. Interesse che si traduce nel seguire gli ospedali psichiatrici di Arezzo, Torino ed altri, ma soprattutto nel registrare fotograficamente lo "smantellamento" dell'ospedale di Franco Basaglia a Trieste, e le situazioni alternative, da questi e dal suo gruppo create: Comunità Famigliari costituite dagli ex degenti, Centri di Igiene mentale.
Nel 1977 è iscritta all'Ordine dei giornalisti.
Nello stesso anno si istituisce la società MULTICAMERA, Cooperativa di fotografi di cui fanno parte: Barchiesi, Tremolada, Leo Torri, Roberto Lioia ed altri. Lo scopo è di applicare la formula cooperativa anche nell'ambito di professionisti fotografi, di norma, piuttosto individualisti. Nel 1978 fa parte del Collettivo donne fotoreporter dapprima di Milano, poi esteso anche a colleghe di Roma. Questo gruppo apre la propria collaborazione firmando un audiovisivo sulla questione femminile, che verrà proiettato in realtà di lavoro: fabbrica, banche, uffici ed istituzioni diverse. Seguono mostre fotografiche in numerose città italiane. La più vasta, UNA NESSUNA CENTOMILA, dove ognuna delle fotografe sviluppa un tema specifico. La mostra diventa occasione di incontri, dibattiti e di un convegno svoltosi a palazzo Fortuny a Venezia. (giugno 1980). Il tema scelto da Lilli Barchiesi "LA CASA, I RITI" consentiva di entrare in differenti realtà abitative, stabilendo un rapporto personale, per indagare e raccontare il modo di vivere ed essere di tante donne fra loro diverse. Nel 1979, conclusasi l'esperienza Cooperativa, apre uno studio con Leo Torri con l'etichetta Studio snc di L. Barchiesi.
Negli anni '80 abbandona pressochè definitivamente l'esperienza del reportage fotografico occupandosi, fino al 1998, della situazione organizzativa e gestionale dello Studio di Immagine Pubblicitaria a firma Leo Torri, collaborando saltuariamente a servizi di carattere giornalistico. Dopo il 1998 chiuso il sodalizio con Leo Torri, riprende con le collaborazioni giornalistiche e la fotografia. Dal 2001 collabora a Milano con INVIDEO per la Mostra internazionale di Video e Cinema Oltre.

fonte: http://www.bastadiscriminazioni.it/lilli.shtml

IMMAGINI da 1 a 24
sup_3g050_0001175
Barchiesi, Liliana
nella casa occupata di via Famagosta a Milano 1974
sup_3g050_0001176
Barchiesi, Liliana
"Casalinghe" Milano
sup_3g050_0001177
Barchiesi, Liliana
"Casalinghe" Milano
sup_3g050_0001178
Barchiesi, Liliana
"Casalinghe" Milano
sup_3g050_0001179
Barchiesi, Liliana
"Casalinghe" Milano
sup_3g050_0001180
Barchiesi, Liliana
"Casalinghe" Milano
sup_3g050_0001181
Barchiesi, Liliana
"Casalinghe" Milano
sup_3g050_0001182
Barchiesi, Liliana
"Casalinghe" Milano
sup_3g050_0001183
Barchiesi, Liliana
"Casalinghe" Milano
sup_3g050_0001184
Barchiesi, Liliana
"Casalinghe" Milano
sup_3g050_0001185
Barchiesi, Liliana
"Casalinghe" Milano
sup_3g050_0001186
Barchiesi, Liliana
"Casalinghe" Milano
sup_3g050_0001187
Barchiesi, Liliana
"Casalinghe" Milano
sup_3g050_0001188
Barchiesi, Liliana
"Casalinghe" Milano
sup_3g050_0001189
Barchiesi, Liliana
"Casalinghe" Milano
sup_3g050_0001190
Barchiesi, Liliana
"Casalinghe" Milano
sup_3g050_0001191
Barchiesi, Liliana
"Casalinghe" Milano
sup_3g050_0001192
Barchiesi, Liliana
"Casalinghe" Milano
sup_3g050_0001193
Barchiesi, Liliana
"Casalinghe" Milano
sup_3g050_0001194
Barchiesi, Liliana
"Casalinghe" Milano
sup_3g050_0001195
Barchiesi, Liliana
"Casalinghe" Milano
sup_3g050_0001196
Barchiesi, Liliana
"Casalinghe" Milano
sup_3g050_0001197
Barchiesi, Liliana
"Casalinghe" Milano
sup_3g050_0001198
Barchiesi, Liliana
"Casalinghe" Milano