Autore 

Musella, Luca

Napoli, 1967

Luca Musella nasce a Napoli nel 1967, vive a Milano. Fotografo, operatore e scrittore, Luca Musella è il protagonista del documentario Let’s go di Antonietta De Lillo presentato al Film Festival di Torino nel 2015. Il film, che si muove tra documentario e finzione (ma è più pertinente parlare di un cinema che racconta il reale con tutti i suoi strumenti), è la storia di Luca Musella, un intellettuale napoletano di successo (fotogiornalista, video operatore e autore di alcuni romanzi) oggi esodato professionalmente ed emotivamente. Da professionista borghese, fotografo quotato di importanti agenzie giornalistiche, tra cui Grazia Neri, autore di istantanee che hanno illustrato le copertine de L’Espresso, di Sette e di alcune riviste straniere, si è ritrovato da un paio d’anni nullatenente a vivere in prima persona quella realtà che fotografava trovandosi magari qualche volta per caso dall’altra parte dell’obiettivo. Musella racconta la sua caduta da un universo borghese a un sottoproletariato fatto di marginalità e clandestinità. La macchina da presa ci conduce dentro il nuovo mondo di Luca, nella Milano della periferia, lungo sponde meno conosciute dei Navigli e ci mostra attraverso lo sguardo di una donna la vita di un uomo costretto a reinventare la propria esistenza. Ha messo su famiglia, ha investito in un paio di attività a metà fra l’intellettuale e il commerciale, e poi è arrivata la crisi, che si è portata via il lavoro, il negozio, la famiglia, la casa.
Oggi Luca vaga per le strade di Milano campando di lavoretti occasionali e frequentando i «sottoproletari» come (è diventato) lui. Le immagini, in alcuni casi girate dallo stesso Musella, e le sue parole si intrecciano con il testo della lettera: il racconto in presa diretta, frutto di uno sguardo capace di soffermarsi sulla miseria e fragilità del mondo, si mescola sapientemente con la parola scritta, permettendo al protagonista di farsi specchio dello spettatore. Luca Musella e le persone che popolano il suo microcosmo si fanno infatti portavoce di una condizione particolare e, allo stesso tempo, universale, ritratto della smarrita Italia di oggi ed emblema di una sensibilità letteraria che, partendo dall’analisi della realtà, elabora possibili antidoti.
(fonte: https://ilmanifesto.it/musella-intellettuale-esodato/)

IMMAGINI da 1 a 5
sup_10100_0004173
Musella, Luca
Napoli, tangenziale
sup_10100_0004174
Musella, Luca
Napoli
sup_10100_0004175
Musella, Luca
Napoli, centro storico
sup_10100_0004176
Musella, Luca
Napoli, terza età
sup_10100_0004720
Musella, Luca
Napoli, università